In bici alla scoperta del lago di Como

Avete pensato di fare una vacanza in bicicletta sul lago di Como? L’itinerario presente in quell’area vi permetterà di scoprire di luoghi bellissimi sulle due ruote. Il cosiddetto lago di Como o meglio lago Lario, si può esplorare con la ciclovia dei laghi. È un percorso di circa 50 km che si fa sempre sulle sponde del lago ed offre vari scorci sia sull’acqua che per la montagna. Ci sono inoltre dei tratti di pianura davvero interessanti, mentre si effettueranno dei saliscendi abbastanza facili e particolari. Il percorso può essere fatto, sia per le città di Lecco e Como, ma anche proprio a bordo lago. È possibile poi in caso di problemi anche usufruire della linea ferroviaria. Il protagonista di questo tipo di itinerario è il lago che è il terzo lago italiano per superficie ed è molto ampio, perché comprendeva anche i laghi di Olginate, Mezzola e Garlate. Pedalando in queste strade si avrà la possibilità di scoprire un percorso unico e dei punti di vista che altrimenti sarebbero impensabili da trovare. Prima di partire per questa avventura è necessario comprare la bici adatta, magari facendo riferimento alle biciclette usate di mondo bici e poi si potrà proseguire avendo chiaro tutto l’itinerario da seguire.

Il percorso alla scoperta di Como

Si parte in particolare della città di Como e poi subito si va sulla via di Torno che sarà seguita nel corso di tutto il viaggio. Si deve pedalare sempre con la montagna a destra e il lago a sinistra e quindi è difficile perdersi. Come se non bastasse si potrà anche optare per un panorama unico ed indispensabile. Si possono fare brevi pause, sia per fare delle foto sia per godersi magari dei posti in particolare. Tra i borghi più carini e paesini che vale la pena prendere in considerazione ci sono Torno che ha un centro storico molto carino e poi si possono anche visitare altre città. Tra loro c’è da sottolineare la bellezza di Nesso, che è famoso per una gola naturale formata da due torrenti e poi c’è Bellagio, che è il punto più a nord di tutto il percorso ed era abitata dai Galli e poi successivamente dai Romani. È molto più fresca come zona è da un panorama davvero particolare oltre ad una serie di ville che nella loro bellezza ed imponenza, dominano il lago e il suo contorno. Superata Bellagio, poi si va verso sud est e si trovano altri paesi come Malgrate, ovvero la Venezia del Lario e poi tutte le sue bellezze artistiche che devono essere necessariamente viste.

La strada alternativa

Alla fine del percorso, si potrà tornare verso Como e quindi chiudere l’anello, oppure si può proseguire verso Lecco e andare dall’altra parte del lago in modo tale da avere una visione più completa ma chiaramente anche una difficoltà maggiore, in questa tipologia di percorso. Se seguite in questo modo, ovvero raggiungendo poi Lecco, si avrà l’opportunità di svolgere un percorso ciclopedonale di circa 90 km che però è unico nel suo genere e sicuramente, lascerà un ottimo ricordo di un lago che è tutto da esplorare nella sua infinita bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *