Lago di Scanno un gioiello nascosto nel cuore d’Italia

Forse non tutti sanno che il lago più grande d’Abruzzo, situato sull’Appennino a 922 m di altitudine tra le cime dei Monti Marsicani, è anche un luogo ricco di mistero e di leggende tramandate di generazione in generazione. Stiamo parlando del lago di Scanno, un gioiello incastonato tra le montagne, che ha una particolarità che sorprende chiunque: è a forma di cuore.

Lago di Scanno

Siete curiosi di saperne di più e di scoprire quali sono i racconti più suggestivi che lo riguardano? Allora continuate a leggere!

Leggende sul lago di Scanno

Sulla nascita del lago di Scanno circolano diverse leggende, una vede protagonista Madama Angiolina: una fata bellissima diventata protagonista dei desideri di Baialardo, uno spregevole individuo che, innamoratissimo di lei, provò a rapirla per averla sempre con sé. Ma la fata spaventata fece in modo che ai piedi degli scagnozzi di Baialardo, venuti per portarla da lui, nascesse un lago che li inghiottisse. Ma Bailardo riuscì comunque a conquistare il regno di lei e per farle del male fece piovere palle di fuoco. Lei cadde morta e dove fu la sua tomba nacque il lago di Scanno.

Un’altra leggenda racconta di un combattimento tra i romani e il re Battifolo. Trovatosi in difficoltà, invocò l’aiuto del mago Baialardo che per aiutarlo sommerse il campo di battaglia.

Dove finisca la leggenda e inizi la storia non ci è dato sapere, possiamo però affermare che la formazione del lago si deve ad una frana staccatasi dal Monte Genzana.

Lago di Scanno: il triangolo delle Bermuda abruzzese

La cronaca ha visto protagonista il lago di Scanno per degli eventi misteriosi. Nel 1998 una moria di pesci fece spaventare gli abitanti del luogo e non solo, nel 2012 tornò a far parlare di sé per dei fenomeni elettromagnetici inspiegabili. Le bussole dei sub, impazzite, non funzionavano. Fopo l’intervento dei tecnici dell’Istituto nazionale di geofisica si scoprì che sul fondale è presente un grosso oggetto di materiale ferroso di sei metri per due. Inoltre, nel corso del tempo, il lago ha restituito numerosi reperti risalenti all’anno mille oltre che munizioni, pistole e altre armi riconducibili agli scontri delle due guerre mondiali.

Luoghi da visitare nei dintorni del lago di Scanno

Sulla sponda meridionale sorge una chiesa dedicata a Santa Maria dell’Annunziata. Edificata nel 1702, al suo interno è decorata da affreschi e dipinti di pittori del luogo.

Inoltre tra le sue mura conservava la statua della Madonna del Lago, che venne però, purtroppo, trafugata nel 1979; fu sostituita poi con la copia ora presente e non venne più ritrovata.

Tradizioni e curiosità

Una ricorrenza importante per gli abitanti del luogo, ma anche per i turisti, è la festa del penultimo sabato di agosto quando, sull’acqua del lago, si riflettono i colori e le luci dei fuochi pirotecnici. Nel lago è consentita la balneazione e inoltre è possibile fare gite in pedalò e in barca.

Purtroppo i recenti terremoti hanno ridotto di qualche metro la superficie del lago.

Foto by pizzodisevo (Flickr) [CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *