Lago di Chiusi

Il lago di Chiusi è il secondo bacino lacustre più grande della Toscana, con una superficie di 3,87 km quadrati ed una profondità massima di 5 metri. Si trova ad un’altitudine di 251 m s.l.m. nella Val di Chiana senese ed è noto anche con il nome di lago Chiaro. Si trova pochi km a nord est della città di Chiusi alla quale deve il suo nome e ha due immissari, il Montelungo e il Tresa mentre è emissario del lago di Montepulciano dal quale dista pochi km. Le sue acque, nella sponda settentrionale e orientale, dividono la Toscana dall’Umbria e a soli una decina di km a nord est dal lago di Chiusi, ma già in Umbria, si trova il lago Trasimeno.

Lago di Chiusi

L’origine del lago

L’origine del lago di Chiusi è comune a quella degli altri due laghi della zona, il Trasimeno e il bacino lacustre di Montepulciano. Un tempo questa zona d’Italia era un vasto golfo marino, in epoca geologica terziaria o meglio in epoca miocenica. Poi con il corrugamento appenninico settentrionale, nelle ere geologiche successive ed i movimenti tettonici avvenuti nell’era pliocenica, lo scenario subì enormi modifiche fino ad arrivare alla creazione di un grande unico lago che ricopriva tutta la Val di Chiana e il bacino del Trasimeno. I laghi che abbiamo oggi, non distanti tra di loro, non sono che i resti di quell’enorme massa d’acqua come confermano gli studiosi.

Area naturale protetta

Oggi il lago di Chiusi è un’area naturale protetta che si estende su una superficie di 805 ettari, gestita dal comune di Chiusi istituita nel 2004. Il lago Chiaro è anche zona di protezione speciale (ZPS) e sito di importanza comunitario (SIC) e nella sua parte meridionale c’è un’oasi del WWF di circa 8 ettari.

La fauna del lago

Un’area naturale è tale perché al suo interno ci sono specie di flora e fauna da proteggere e preservare. Così è anche per il lago di Chiusi nelle cui acque predomina la presenza quasi infestante di moltissimi crostacei alloctoni quali il gambero americano e quello rosso della Louisiana. Tante le specie di uccelli che vivono e nidificano sulle acque del lago. Le più importanti sono il mignattaio, l’airone rosso, la garzetta, il basettino, il pendolino e lo svasso maggiore. Sulle sue acque fanno sosta anche molti uccelli migratori come il cavaliere d’Italia, il beccaccino o il falco pescatore.

Il lago di Chiusi, circondato da colline offre la possibilità di praticare birdwatching, canottaggio e di pesca lungo le sue sponde.